\\ Home Page : Articolo : Stampa
Logo Horribilis
Di SuperCirio addž 27/02/2007 @ 18:03:19, in La terra dei cachi, linkato 733 volte)
Logo HorribilisOra, partiamo dal presupposto (molto presupposto) che il nuovo portale italia.it, fortemente voluto e sbandierato dal nostro ministero per i Beni e le Attività Culturali, sia tutto sommato un sito bello e funzionale. Magari ci vorrà un certo sforzo, ma ce la si può fare. Del resto si sa che i gusti sono gusti, e non si discutono. Ma il logo... Quello no, cazzo, non me lo fa digerire nessuno! Quel marchio è un insulto alla Patria. Pare che per l'elaborazione del nuovo simbolo grafico destinato a veicolare l'immagine dell'Italia nel mondo sia stata messa a bando una cifretta intorno ai centomila euro. Un importo pari al mio mutuo per un'immagine di 263x45 pixel; in pratica vent'anni di rate per pagare l'equivalente di 11835 puntini luminosi. Comunque, visto il risultato, rivoglio indietro i soldi, che trattandosi di denari dei contribuenti escono in parte anche dalle mie tasche. Senza contare il vero spreco in termini di immagine: un paese che fa del moderno design uno dei suoi prodotti di punta non può essere simboleggiato tramite un simile obbrobrio. Si gioca la credibilità. Eppure è così, o almeno lo è per il ministro Rutelli al quale qualcuno dovrebbe ricordare un paio di semplici regole. La prima è di semplice grammatica e stabilisce che 'Italia' si scrive con la 'I' maiuscola. Lo insegnano in prima elementare, quando ti spiegano che si scrivono con l'iniziale maiuscola tutti i nomi propri e 'Italia', in quanto tale, non fa eccezione. Anzi. La seconda regola è di natura stilistica: una parola la si scrive o in corsivo o in stampatello, mischiare entrambi fa schifo e ribrezzo. Solo le geniali menti incaricate dal ministero sono riuscite a farlo, per di più in una parola di sole sei lettere. Un record di cattivo gusto. Infine una considerazione di pura decenza: quella 't' verde malamente stilizzata, che nelle intenzioni dei creativi dovrebbe rappresentare concettualmente la creatività italiana, in realtà ha una forma fallica imbarazzante. Un grosso cazzone verde, impietosamente puntato verso il basso. Quale messaggio subliminale può trasmettere al potenziale turista che naviga il portale? Qualcosa tipo "vieni in Italia, il paese del cazzo molle!"?
Hai voglia poi a raccontare in giro la storiella del maschio latino...