\\ Home Page : Articolo : Stampa
Trombati e Rimborsati
Di SuperCirio addž 27/05/2008 @ 21:19:53, in Politically Incorrect, linkato 585 volte)
In tempi di demagogico -e giustificato- accanimento ai privilegi della 'Casta' politica nostrana, si sprecano le catene sant'antoniane che denunciano benefici, vantaggi, immunità e provvidenze varie con cui i nostri rappresentanti politici mitigano le privazioni loro imposte dalla dura vita parlamentare.
L'ultima, indignatissima mail m'è giunta dal compagno di merende Conte Oliver e denuncia le pensioni d'oro con cui molti ex-parlamentari della passata legislatura si consoleranno dopo la trombatura subita nelle consultazioni dell'aprile scorso.
Ne stralcio di seguito i più significativi:
Alfonso Pecoraro Scanio(Verdi)8.839 euro
Franco Giordano(rifondazione)6.203 euro
Enrico Boselli(Socialisti)7.959 euro
Oliviero Diliberto(Comunisti)7.959 euro
Ciriaco De Mita(Rosa Bianca)9.363 euro
Alfredo Biondi(Forza Italia)9.604 euro
Vincenzo Visco(PD)9.363 euro
Stefano Morselli(Destra)8.164 euro
Maurizio Ronconi(UDC)6.203 euro
Fausto Bertinotti(Rifondazione)7.959 euro
Clemente Mastella(Udeur)9.604 euro
Franco Giordano(rifondazione)6.203 euro

All'elenco vanno poi aggiunti altri 51 specialisti della pensione adamantina, appartenenti a varie formazioni politiche "sbarrate" dalle ultime elezioni. Il conto finale ammonta (ammonterebbe) a circa 405.818 euro lordi. Mensili, of course, e garantiti vita natural durante.
Vanno (andrebbero) poi aggiunte le liquidazioni di fine mandato di vario titolo e grado: si racconta, ad esempio, di 337.068 euro euro piovuti nelle tasche di Angelo Sanza, ex parlamentare in forza UDC; o di 307.328 euro destinati ad alleviare le delusioni elettorali di Clemente "er panza" Mastella.
Tirate le somme, i bilanci 2008 delle Camere alla voce 'vitalizi' snocciolano cifre da far tremare i polsi e girare i coglioni: 139,2 mln di euro per Montecitorio e 75,7 mln di euro per palazzo Madama.
Rabbrividiamo.

Non so fino a che punto queste cifre corrispondano alla realtà e quanto invece ci abbia giocato la demagogia dell'antipolitica, ma una cosa è certa: la bulimia autoremuneratoria è ormai l'unica qualità veramente bipartisan della nostra classe politica.