\\ Home Page : Articolo : Stampa
Non distruggete la Baia dei Pirati
Di SuperCirio addž 24/04/2009 @ 20:02:25, in high tech, linkato 780 volte)
Quante possibilità ci sono che venga ricelebrato il processo agli autori di PirateBay? Di logica, tantissime: tra i giudici che hannno condannato gli autori della famosa piattaforma di file sharing c'era un certo Tomas Norstrom, membro dell'associazione svedese per la tutela del copyright. » come se della giuria del processo Thyssenkrupp facesse parte l'amministratore delegato della Thyssenkrupp stessa. Insomma, palese conflitto di interessi e conseguente vizio processuale.
Il fatto è che in ambito giuridico (ma non solo) la logica regge finchè regge un minimo equilibrio di forze e poteri tra le parti in causa, cosa che nel procedimento contro Pirate Bay difficilmente si può realizzare.
Da una parte ci sono le potenti lobby dei diritti d'autore coi loro appoggi politici cementati da interessi economici enormi. Dall'altra tre ragazzotti che hanno messo in pratica un'idea geniale, e milioni di utenti internet che grazie alla loro idea scaricano abitualmente contenuti coperti da copyright ma che nello specifico non contano un cazzo, anzi sono proprio loro il bersaglio da colpire tramite l'oscuramento di PirateBay.
Ciò che questi ricchi signori si ostinano a non capire è che i primi fruitori di contenuti a pagamento sono proprio coloro che scaricano abitualmente , secondo la logica del "prima assaggio, e se piace compro".
E invece no, i potentati del copyright si ostinano nelle loro logiche oscurantiste fatte di minacce, sanzioni, processi a sistemi destinati comunque a rinascere nel giro di poco con altre forme e altri nomi. Qualche anno fa, quando venne smantellata la rete Napster, qualcuno sostenne che il download illegale aveva le ore segnate: i fatti (e l'incremento costante di materiale scaricato) ci dicono oggi l'esatto contrario.
Il processo contro PirateBay è solo l'ennesima, patetica e inutile esibizione di forza da parte di un sistema di tutela della proprietà intellettuale che non è stato capace di adattarsi ai cambiamenti di un mondo che si muove più in fretta di qualsiasi sentenza.